10% de réduction avec le code ELEGANCE10
Livraison gratuite en France métropolitaine.
L'élégance maintenant. Payer plus tard avec Klarna.

Une question ? contactez-nous : afroelegance.france@gmail.com

Quale tribù africana esiste realmente?

Quale tribù africana esiste realmente?

L'Africa è conosciuta come un continente tribale, anche se non sempre è il fattore determinante nella vita di una nazione. Le potenze coloniali tenevano poco conto delle tribù nel tracciare i propri confini nazionali. Il risultato è che diverse tribù si sovrappongono per formare due o addirittura tre paesi moderni. In paesi come l'Egitto, la popolazione viene definita egiziana o araba senza riferimento alle origini. Il tema delle tribù e delle etnie in Africa è affascinante. Nel corso degli anni, i film d'avventura hanno spesso raffigurato tribù che vivevano come facevano i loro antenati generazioni prima. È una bella storia, e in molti casi lo è ancora oggi. In altri certamente non è così, perché la cultura è cambiata o si è evoluta.

Con circa 3.000 tribù e 2.000 lingue e dialetti, l'Africa è un continente che affascina ad ogni angolo.

Altri continenti non hanno la diversità naturale dell’Africa. Alcuni sono ben sviluppati, largamente industrializzati e la tribù non è mai stata un fattore determinante. “Comunità”, sì, ma il fattore più importante era lo status sociale e non l’origine.

Riepilogo

  1. Differenza tra etnia e tribù
  2. Alcune tribù africane

Conclusione

Differenza tra etnia e tribù

È importante comprendere la differenza tra etnia e tribù. Una tribù è un'organizzazione di persone che condividono la stessa cultura e lingua. La storia può testimoniare il successo dell’organizzazione tribale come mezzo di sostentamento e persino di creazione di ricchezza e benessere. Quando la vita africana era prevalentemente rurale, pochi membri si allontanavano dalle aree tribali. La crescita degli insediamenti cominciò a cambiare in una certa misura questa situazione, poiché le persone cercavano lavoro piuttosto che condurre uno stile di vita di sussistenza. Etnia è un termine più ampio. Un gruppo etnico può comprendere diverse tribù; gli Ashanti, gli Aykem e i Bonus sono tutte tribù del Ghana, dell'Africa occidentale, ma in termini etnici sono tutti Akan.

Furono le potenze coloniali a introdurre l’idea di nazionalismo in Africa, ma non fu qualcosa che abbracciarono tutti; Le differenze tribali hanno creato conflitti anche negli ultimi decenni, sebbene il conflitto abbia avuto luogo tra tribù della stessa nazionalità. La guerra del Biafran della Nigeria, mezzo secolo fa, devastò vaste aree della parte orientale del paese mentre gli Igbo cercavano invano di ottenere l'indipendenza. Il Ruanda è un esempio più recente, con i Tutsi vittime di un genocidio perpetrato dalla maggioranza Hutu durante l’ultimo decennio del XX secolo. Il Ruanda contrasta con il Ghana, dove esiste l’orgoglio tribale ed etnico, ma anche l’orgoglio nazionale. Questo stato dell’Africa occidentale aderisce alla democrazia nonostante la sua diversità tribale.

L’Africa è un vasto continente che può essere suddiviso in regioni, proprio come i paesi dell’Unione Europea.

Scopri gli elementi che riflettono la cultura africana attraverso l'articolo del nostro blog.

Uomo boubou africano

Alcune tribù africane

Tribù del Nord

Alcuni direbbero che il Nord Africa comprende semplicemente i paesi che si affacciano sul Mediterraneo, ma ci sono tutte le ragioni per includere nel Nord i paesi relativamente aridi al confine meridionale del Sahara. Non sorprende che una regione così vasta contenga una grande diversità di popoli e, sebbene ci siano città sul Mediterraneo, la vita è stata in gran parte nomade per molte tribù del Sahara e del Sahel.

Un breve esame delle tre tribù descritte ai fini di questo articolo illustrerà le differenze e le somiglianze esistenti:

Tuareg

Tuareg

I Tuareg sono una grande tribù di etnia berbera che occupa vaste aree del deserto del Sahara. Come pastori nomadi, si spostano per trovare cibo e acqua. Questo è il motivo per cui si trovano nei paesi del Mediterraneo come la Libia e l’Algeria, così come nei paesi della regione conosciuta come Sahel, al confine meridionale del Sahara, come il Niger.

Beduini

beduino

I beduini sono nomadi di origine araba che vivono nell'Africa nord-orientale, ma si sono diffusi anche in Iraq e nella penisola arabica. Il loro nome deriva dalla parola araba "badawi" che significa "abitante del deserto". In gran parte musulmani naturalmente, si prendono cura di capre e cammelli.

Dogon

Dogon

I Dogon sono un ramo del gruppo linguistico Niger-Congo, una tribù che conta tra le 400.000 e le 800.000 persone. Vivono in villaggi ben posizionati sull'altopiano centrale del Mali e in Burkina Faso. Si ritiene che si siano trasferiti dal nord per evitare l'islamizzazione e che le loro vite ruotino attorno alla religione tradizionale, anche se alcuni ora sono musulmani e altri cristiani. Sono famosi per la loro arte e conoscenza astronomica. I Dogon vivono di coltivazione e allevamento del bestiame.

Tribù occidentali

Se accettiamo questa definizione di Nord, ciò significa che l'Africa occidentale comprende i paesi della costa atlantica che partono dalla Mauritania verso sud e girano verso ovest passando per la Nigeria e il Camerun per condurre nella regione della foresta equatoriale. L'Africa occidentale ha diverse tribù:

Yoruba

Yoruba

Gli Yoruba, che vivono quasi esclusivamente nel sud-ovest della Nigeria, sono più di 40 milioni, il che li rende la tribù più numerosa di tutta l'Africa occidentale. L'enorme area metropolitana di Lagos è a predominanza yoruba, con residenti ancora riconoscibili come appartenenti ad una tribù specifica, semplicemente a causa della lingua. Tuttavia, sebbene esistano altre città nella più ampia regione di Yoruba, molte conducono ancora una vita rurale tradizionale di sussistenza.

Ashanti

Ashanti

Gli Ashanti del Ghana, che contano circa 9 milioni di persone, hanno una propria lingua, anche se nelle città si capisce la lingua coloniale, l'inglese. La loro religione fa appello al soprannaturale e alla spiritualità, con gli antenati che svolgono un ruolo molto importante nella vita familiare. Questi aspetti sono più evidenti nelle aree rurali lontane dalla capitale del Ghana, Accra.

Mbenga

mbenga

Il gruppo etnico pigmeo più conosciuto è quello degli Mbenga, che si trova nel bacino occidentale del Congo. Esistono una dozzina di gruppi pigmei diversi, inclusi gli Mbenga che parlano bantu e ubangiano. Sono cacciatori-raccoglitori che dipendono in gran parte da ciò che le foreste possono fornire loro. Commerciano con i loro vicini per ottenere altre cose di cui hanno bisogno. I numeri esatti sono difficili da ottenere, ma ipotesi plausibili suggeriscono che circa mezzo milione di persone vivono nella foresta pluviale congolese.

Tribù orientali

La Rift Valley inizia in Etiopia e corre verso sud attraverso il Kenya e la Tanzania. L’Uganda, il Ruanda e il Burundi non hanno sbocco sul mare ma fanno parte integrante dell’Est. L'Oriente è ricco di flora e fauna. Le vaste pianure ospitano enormi mandrie e predatori che le seguono ovunque vadano. Le tribù orientali venivano regolarmente filmate mentre vivevano come i loro antenati, anche se spesso diventavano ambientalisti piuttosto che cacciatori di prede.

Hamer

Hamer

La Valle dell'Omo in Etiopia è un luogo affascinante. Gli Hamer sono una tribù che vive in questa fertile valle dove la loro attività principale è prendersi cura del proprio bestiame. Sono anche conosciuti per la loro controversa cerimonia del salto del toro. L'Etiopia attira sempre più viaggiatori e tra le sue numerose attrazioni ci sono le tribù di questa valle meridionale.

Masai

Masai

La tribù Masai è forse la più famosa dell'Africa orientale. Questa tribù si prende cura ancora del proprio bestiame, e il latte e il sangue di mucca sono al centro della loro dieta. La maggior parte di loro vive in Kenya e le loro case vicino ai famosi parchi naturali dell'Africa orientale hanno dato loro contatti significativi con i turisti stranieri. Appartenenti all'etnia nilotica, parlano Maa, gruppo linguistico noto come nilo-sahariano, e il loro numero è in aumento, avvicinandosi alle 900.000 persone.

Hadzabe

Hadzabe

Gli Hadzabe della Tanzania sono gli ultimi veri nomadi, cacciatori-raccoglitori dell'Africa orientale. Cacciano con arco e frecce mentre le donne cercano bacche e frutti commestibili. I turisti che hanno spirito di avventura possono viaggiare con loro, anche se non c'è molta "comodità" per chi lo fa. Come esperienza culturale, non esiste equivalente in questa parte dell’Africa. La tribù conta meno di 1.000 membri, che sono geneticamente imparentati con i Pigmei e non con i Khoisan, come tradizionalmente si credeva. Un'altra tribù degna di nota è quella dei Datoga, nota per la sua abilità nella fabbricazione di armi e che fornisce le punte di freccia usate dagli Hadzabe per la caccia.

Tribù del sud

L'Angola, sulla costa atlantica, e il Mozambico, sull'Oceano Indiano, erano entrambe colonie portoghesi. Gli inglesi dominavano quelli che oggi sono Zambia, Malawi e Zimbabwe, mentre Namibia e Sud Africa sono sempre stati considerati più sviluppati di tutti i loro vicini. Sotto molti aspetti, il Botswana è un gioiello, con una democrazia consolidata, fauna selvatica e risorse minerarie.

San

San

Comunemente chiamati i Boscimani del Kalahari, i San svilupparono abilità per cacciare e sopravvivere in una terra desertica apparentemente completamente arida. La loro abilità nel seguire le tracce è rinomata e il loro successo con l'arco e le frecce avvelenate è davvero impressionante. Trovano l'acqua nei tuberi sotterranei e raccolgono frutti e bacche di stagione. Si trovano nell'Africa meridionale, in paesi come il Botswana, l'Angola e lo Zimbabwe. Esistono differenze linguistiche significative nel loro vasto territorio, ma le capacità di sopravvivenza sono comuni a tutti.

Zulù

Zulù

Gli Zulu, che ora contano circa 10 milioni, erano una potente tribù guerriera con il regno di Shaka all'inizio del XIX secolo. La loro lingua è una delle lingue ufficiali del Sudafrica e vivono nel KwaZulu-Natal, sulla costa sudafricana dell'Oceano Indiano.

Himba

Himba

Questa piccola tribù che vive nel nord della Namibia e fino all'Angola conta circa 50.000 membri. La vita è semi-nomade, con le persone che si spostano in cerca di pascoli per il proprio bestiame. La loro lingua è classificata nella famiglia Bantu del gruppo Niger-Congo, più diffusa più a nord.

Conclusione

Si ritiene che la vita umana abbia avuto inizio in Africa, nella gola di Olduvai, a est del Serengeti, nell'attuale Tanzania. Lì sono stati scoperti fossili umani vecchi di diversi milioni di anni. Nel corso dei secoli si sono verificati notevoli movimenti di popolazioni, limitati solo da barriere naturali come le fitte foreste equatoriali. I deserti potrebbero non essere una proposta attraente, ma sono stati in grado di sostenere la vita.

Concretamente, oggi, il clima e il terreno dettano la vita degli africani rurali. I viaggiatori interessati alla favolosa fauna selvatica delle pianure africane entreranno in contatto con tribù che un tempo erano cacciatori, ma oggi non esistono più. Le popolazioni del nord affrontano tutte gli stessi problemi di sopravvivenza in un ambiente aspro, spesso estremamente secco.

Le foreste equatoriali del Congo custodiscono ancora dei segreti, semplicemente perché sono in gran parte impenetrabili. La vita non è mai veramente cambiata da secoli, ma è probabile che solo i ricercatori e i documentaristi si rechino lì.

L’Africa è un continente dall’infinita varietà eppure, in qualche modo, insieme alle sue tribù ha un tema comune: avventura e novità dietro ogni angolo. L’Africa rimarrà un continente prevalentemente rurale, quindi è improbabile che l’elemento tribale cambi in larga misura.

Spero che il contenuto di questo articolo abbia chiarito eventuali domande che potresti aver avuto. Puoi visitare il nostro negozio online di abbigliamento e accessori africani per esprimere la tua gratitudine per il duro lavoro del nostro team. Puoi aggiungere il nostro negozio ai preferiti o iscriverti alla nostra newsletter per essere informato sulle nostre ultime offerte. Puoi anche acquistare il tuo e-book gratuito al 100% per ulteriori informazioni sull'abbigliamento e gli accessori africani. La ringrazio ; A presto !

Livraison et retours
Livraison et retours

Livraison offerte en France (hors DOM-TOM). Les retours sont gratuits pendant 30 jours.

Paiement sécurisé
100% Paiement Sécurisés

Nous utilisons le cryptage SSL pour les paiements sécurisés.

Service client aux petits soins

Besoin d'assistance ? Nous sommes à votre service du lundi au vendredi de 9h à 18h.

Une sélection d'experts

Des vêtements africains fabriqués par une équipe de passionnés depuis plus de 20 ans.

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.