10% de réduction avec le code ELEGANCE10
Livraison gratuite en France métropolitaine.
L'élégance maintenant. Payer plus tard avec Klarna.

Une question ? contactez-nous : afroelegance.france@gmail.com

Chi ha inventato il djembe?

Chi ha inventato il djembe?

Il djembe (pronunciato JEM-bay) è uno degli strumenti a percussione più versatili e diffusi del pianeta. La sua immensa popolarità è dovuta al fatto che può produrre una gamma eccezionalmente ampia di suoni, vale a dire bassi (bassi), toni (medi) e snap (alti). Questi suoni vengono creati colpendo con le mani diverse aree della testa del djembe.

Riepilogo

  1. L'origine del djembe
  2. Progettazione del djembe
  3. Accordare il djembe
  4. I suoni del djembe
  5. Il contesto culturale
  6. Batteristi di Djembe

Conclusione

L'origine del djembe

Si dice che il tamburo djembe sia stato inventato nel XII secolo dalla tribù Mandinké nell'attuale Mali, nell'Africa occidentale. È stato suonato dagli africani occidentali per generazioni ed è parte integrante della vita rituale in Mali, Guinea, Senegal e in altri paesi vicini dell'Africa occidentale.

djembe senegalese

Progettazione del djembe

Il djembe ha un design davvero unico e distintivo, fondamentale per il suo suono versatile. Il corpo del tamburo, a forma di calice, è scolpito e scavato da un unico pezzo di tronco d'albero. I Mandinka utilizzavano tradizionalmente il legno degli alberi di Lenge, che per loro rivestiva una grande importanza spirituale e conferiva al tamburo il suo suono sonoro.

La grande camera a forma di ciotola nella parte superiore del corpo crea una bassa risonanza per i colpi di basso (percossi con tutta la mano al centro del tamburo), mentre la sezione inferiore stretta e allungata aiuta a proiettare il volume di tutti i toni.

La testa del tamburo è tradizionalmente realizzata in pelle di capra, che consente al djembe di produrre toni alti e penetranti e ticchettii (colpiti dalla mano vicino al bordo del tamburo) a causa della sottigliezza della pelle di capra (rispetto alla pelle di antilope o di vitello). .

La pelle di capra rasata viene avvolta attorno a un cerchio d'acciaio e posizionata sul labbro nella parte superiore del tamburo. Un altro cerchio d'acciaio avvolto in una corda a spirale è posizionato sopra il cerchio ricoperto di pelle, in modo che la tensione della pelle possa essere regolata stringendo o allentando le corde verticali attaccate che rivestono l'esterno della ciotola del tamburo.

Clicca qui per scoprire altri strumenti di origine africana .

djembe

Accordare il djembe

Affinché un djembe suoni bene, l'accordatura della pelle deve essere abbastanza stretta e, soprattutto, uniforme su tutti i lati del tamburo. Se un lato della testa è significativamente più stretto dell'altro, gli armonici indesiderati interferiranno con la chiarezza del suono.

Per accordare il tamburo si utilizza un sistema a doppio cerchio in cui un cerchio inferiore, ricoperto di pelle di capra, viene tirato giù oltre il bordo del tamburo da un cerchio superiore, che è collegato tramite una lunga corda avvolta verticalmente a un cerchio più piccolo situato appena sotto la vasca del tamburo.

Una volta che la corda verticale è stata tesa completamente attorno al tamburo, viene legata e può continuare a essere utilizzata intrecciando orizzontalmente tra le corde per aumentare ulteriormente la tensione. La corda orizzontale viene intrecciata dietro e davanti alle corde verticali (si possono utilizzare diversi metodi) in modo da attorcigliarle a forma di "S" e aumentare la tensione della pelle fino al raggiungimento dell'altezza desiderata. Poiché l'altezza della pelle diminuisce naturalmente nel tempo, i batteristi aumentano regolarmente la tensione della pelle continuando ad intrecciare la corda orizzontale attorno al corpo del tamburo, finché la pelle non viene allungata a tal punto da non essere più utilizzabile o da strapparsi. .

I suoni del djembe

Ci sono tre suoni principali che possono essere riprodotti su un djembe: basso, rullante e snap.

Il suono dei bassi

Il suono del basso (basso) si ottiene colpendo il tamburo al centro della testa con una mano pesante.

djembe basso

La stampa

Il timbro (medio) viene suonato con la mano sul bordo della testa, usando il polso e il braccio per spingere la mano verso il tamburo.

timbro djembe

Lo schiocco

Lo snap (alto) è tecnicamente il tiro più difficile da eseguire. Esistono molti tipi di slap, tutti giocati vicino al limite. I batteristi della Guinea, del Mali e di altri paesi in cui il djembe è indigeno colpiscono leggermente oltre il tono, con le dita puntate come mostrato di seguito.

scatto del djembe

Le dita dovrebbero essere completamente rilassate e proiettate verso la pelle del tamburo dal braccio e dal polso. Il modo migliore per ottenere lo "schiaffo" giusto è attraverso tentativi ed errori e, poiché le mani di ogni persona sono diverse, ogni persona avrà un suono unico sul tamburo.

Il contesto culturale

Il djembe è parte integrante della vita spirituale e rituale nell'Africa occidentale da molte generazioni. Tradizionalmente li suonavano solo i griot , musicisti di corte molto rispettati. Lo usavano per raccontare storie e trasmettere importanti informazioni storiche, religiose e culturali alle generazioni future. I griot erano, e sono tuttora, rispettati non solo come musicisti incredibili, ma anche come uomini di grande erudizione, in possesso di secoli di saggezza tramandati loro dai loro diretti antenati.

Suonare la batteria è indissolubilmente legato al canto e alla danza, e ogni aspirante djembefola (suonatore di djembe) deve anche imparare le canzoni e i passi di danza che accompagnano i ritmi che esegue. Le diverse danze hanno significati simbolici diversi e vengono eseguite durante eventi importanti come feste che invocano la pioggia o un buon raccolto, oppure durante cerimonie come nascite, matrimoni e funerali.

Batteristi di Djembe

Tra i famosi maestri djembe, detti "djembefola", possiamo citare: Mamady Keita, originaria della Guinea, che diresse molto presto il "Balletto nazionale Djoliba":

  • Mamady Keita , originaria della Guinea, che fin da giovane diresse il “Balletto Nazionale Djoliba”;
  • Famoudou Konate, anche lui maestro batterista guineano, che ha diretto “Les Ballets Africains de la République de Guinée”;
  • Adama Drame, griot del Burkina Faso, che dirige il “Balletto Foliba”;
  • Abdoulaye Diakite, senegalese, djembefola con il “Ballet national du Sénégal”;
  • Soungalo Coulibaly, maestro batterista maliano che si è fatto conoscere in Costa d'Avorio.

Gli album che vale la pena ascoltare per un'introduzione alla musica djembe dell'Africa occidentale includono:

  • Mamady Keita: Wassolon, Nankama
  • Soungalo Coulibaly: L'arte del Djembe

Spero che il contenuto di questo articolo abbia chiarito eventuali domande che potresti aver avuto. Puoi visitare il nostro negozio online di abbigliamento e accessori africani per esprimere la tua gratitudine per il duro lavoro del nostro team. Puoi aggiungere il nostro negozio ai preferiti o iscriverti alla nostra newsletter per essere informato sulle nostre ultime offerte. Puoi anche acquistare il tuo e-book gratuito al 100% per ulteriori informazioni sull'abbigliamento e gli accessori africani. La ringrazio ; A presto !

Livraison et retours
Livraison et retours

Livraison offerte en France (hors DOM-TOM). Les retours sont gratuits pendant 30 jours.

Paiement sécurisé
100% Paiement Sécurisés

Nous utilisons le cryptage SSL pour les paiements sécurisés.

Service client aux petits soins

Besoin d'assistance ? Nous sommes à votre service du lundi au vendredi de 9h à 18h.

Une sélection d'experts

Des vêtements africains fabriqués par une équipe de passionnés depuis plus de 20 ans.

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.