10% de réduction avec le code ELEGANCE10
Livraison gratuite en France métropolitaine.
L'élégance maintenant. Payer plus tard avec Klarna.

Une question ? contactez-nous : afroelegance.france@gmail.com

Qual è l'origine dell'arte africana?

Qual è l'origine dell'arte africana?

La storia dell'arte africana ha svolto un ruolo importante nel plasmare la cultura e la storia del mondo. La convinzione che l’Africa sia la culla della storia umana è praticamente incrollabile.

Le origini della storia dell'arte africana si collocano ben prima della storia scritta, preservata nell'oscurità del tempo. L'arte rupestre è vecchia di secoli, mentre perle di conchiglia modellate in una collana sono state trovate in una grotta sulla punta della penisola meridionale del Sud Africa, risalente a 75.000 anni fa.

Uno studio sulla storia dell'arte africana indica che le forme più antiche di scultura trovate provengono dalla Nigeria e sono datate intorno al 500 a.C. Tuttavia, la mancanza di scavi archeologici impedisce la conoscenza dell’antichità dell’arte africana e la natura puramente usa e getta delle materie prime utilizzate nella creazione di oggetti d’arte fa sì che innumerevoli pezzi si siano disintegrati con il tempo.

Inoltre, poiché questi oggetti non erano considerati risultati estetici dalle comunità indigene che li crearono, non fu fatto alcuno sforzo per preservarli. Spesso il loro valore era trascurabile una volta espletata la loro funzione.

La colonizzazione straniera della maggior parte dei paesi dell’Africa subsahariana ebbe luogo a partire dal 1840 e i diversi valori divennero onnipresenti. Molti oggetti d'arte africani furono acquistati per curiosità da viaggiatori, commercianti e missionari nel secolo precedente e lasciarono il continente. Nella maggior parte dei casi, i colonialisti non davano all’arte indigena il credito e l’attenzione che meritava e, di conseguenza, la storia dell’arte africana non veniva preservata o documentata.

Per scoprire il significato delle maschere africane , visita il nostro post sul blog dedicato.

arte africana

Gli inizi della storia dell'arte africana

L’arte rupestre è la forma d’arte più antica dell’Africa. La scienza dell’evoluzione umana ci dice che il moderno Homo Sapiens ha avuto origine in Africa. È logico, quindi, che l’Africa ospiti la più antica e la più grande quantità di arte rupestre del pianeta.

Le più antiche immagini scientificamente datate si trovano in Namibia ( Grotte Apollo 11 ) e risalgono a circa 24-27.000 anni fa, ma la maggior parte degli esperti concorda sul fatto che l'arte rupestre africana potrebbe essere più antica di 50.000 anni.

Figura a testa tonda

La più antica arte rupestre conservata nelle sabbie sahariane del Niger risale al 6500 a.C. Si tratta di incisioni conosciute come petroglifi, raffiguranti animali come le giraffe che non esistono più in questa regione.

Queste immagini ci insegnano come le tribù e le culture antiche percepivano l'universo che li circondava. Osservare i dipinti può darci un'idea dei loro pensieri, del loro mondo spirituale e fisico.

Sfortunatamente, gran parte di questo prezioso patrimonio viene distrutto, sia dall’erosione naturale quando i siti sono sotto la pressione della civiltà, sia dai graffiti che deturpano le tele rupestri.

Le sculture

Le prime sculture conosciute sono le notevoli teste di terracotta, la maggior parte delle quali sono frammenti di figure, della cultura Nok della Nigeria e datate intorno al 500 a.C. a.C. al 200 d.C

Sono fatti di chamotte e argilla ricca di ferro, ma nessuno di loro è stato trovato nel loro ambiente naturale. Dimostrano che la rappresentazione astratta dei personaggi esiste in Africa da più di 2.500 anni.

xNok testa in terracotta

I loro forti elementi formali e la loro qualità espressiva li collocano all'inizio della tradizione scultorea africana. Sono noti per il loro senso della caricatura e hanno uno spiccato senso dello stile, con acconciature e ornamenti elaborati.

Nok-figura

Le terrecotte Nok occupano attualmente un posto importante ma isolato nella storia dell'arte africana.

Le teste in terracotta di Lydenburg furono rinvenute nello stesso distretto in Sud Africa e fu accertato che furono sepolte lì nel 500 d.C., rendendole le più antiche opere d'arte africane conosciute a sud dell'equatore. Poco si sa dell'antica cultura che ha prodotto questo gruppo di sette teste, ma il modo accurato con cui furono sepolte rivela l'importanza e il rispetto che avevano per le persone che le deposero sotto terra.

I grandi anelli solcati intorno al collo possono essere un segno di prosperità e potere, ma non si può saperlo con certezza. Possiamo solo fare ipotesi e collocarle nel contesto di ciò che sappiamo della storia dell'arte africana.

Sculture in terracotta sono state portate alla luce dagli archeologi nella regione di Jenne, in Mali, e a Ife, in Nigeria, e risalgono al periodo compreso tra il 1000 e il 1300 d.C. Potenti sculture in terracotta continuarono ad essere realizzate in tutta l'Africa nel XIX e XX secolo. Ci sono sculture in pietra dei popoli Kongo e Sherbro della Sierra Leone, risalenti non oltre il XVI secolo. Allo stesso tempo, l'avorio veniva scolpito con grande abilità in Benin.

Sculture in metallo

Statuetta in ottone

Il metallo fuso è l'unico altro materiale che resiste alle termiti della terraferma. La tradizione della fusione del bronzo della tribù Igbo-Ukwu della Nigeria risale al IX secolo d.C. I siti hanno rivelato costumi in bronzo e altre opere d'arte.

I siti hanno rivelato costumi in bronzo fuso e altre opere d'arte.

Questa superba tradizione raggiunse il suo apice con il popolo Ife di Yoruba, in Nigeria, che iniziò a produrre squisiti pezzi in ottone e bronzo nel XII secolo e continuò fino al XV secolo. Le teste e le maschere a grandezza naturale, così come le figure più piccole a figura intera, raggiungevano un realismo sorprendente e riflettevano un'intensità silenziosa che fu il precursore di quella qualità che tanto ammiriamo oggi nella scultura tradizionale africana. A volte viene fuso anche il rame puro, tecnicamente molto più difficile dell'ottone.

statua africana

Dal XV secolo ad oggi, gli Yoruba del Benin hanno creato teste scolpite che oggi sono conosciute come bronzi del Benin, ma in realtà sono realizzate in ottone che arrivava sotto forma di vasi e ornamenti lungo la rotta commerciale e che veniva fuso. In entrambe queste culture, le opere venivano spesso prodotte per i re e avevano poteri magici, riflettendo le loro credenze, le organizzazioni socio-politiche e i domini che esistevano sotto il dominio di un re divino o Ife.

L'arrivo dei portoghesi spinse gli scultori beninesi a produrre placche di ottone con scene in rilievo. Queste placche furono inchiodate come decorazione ai pilastri di legno del palazzo reale.

Tessili e peso

Questi due campi artistici possono anche fornirci un ordine cronologico nel tentativo di comprendere la natura e la cronologia della storia dell'arte africana. I resti tessili più antichi sono stati trovati a Igbo-Ukwu e risalgono al IX secolo, mentre nelle Grotte di Tellam in Mali sono stati scoperti tessuti di cotone e lana conservati fin dall'XI secolo.

Gli Akan del Ghana realizzarono piccoli pesi in rame fuso e bronzo dorato dal XVIII secolo in poi, disponibili in tutte le forme, animali, umane, di frutta e persino forme geometriche astratte. Apparivano sotto forma di piccole figurine, molte alte meno di 5 cm, ed esprimevano una vivacità e una spontaneità che non si trovano spesso nella scultura africana.

Sculture lignee africane del XIX e XX secolo

Gente Chamba

L'intaglio del legno rimane oggi la principale forma di arte scultorea nel continente subsahariano.

La storia dell'arte africana mostra che le prime sculture in legno del XVII secolo sono attribuite ai Kuba dello Zaire centrale, ma la più antica scultura subsahariana sopravvissuta è una testa zoomorfa rinvenuta nel 1928 nell'Angola centrale. Risale all'VIII e al IX secolo ed è sopravvissuto alla sepoltura sotto la falda freatica.

I migliori esempi di sculture in legno risalgono al 1920 circa, alcuni sono stati raccolti già nel 1890 e generalmente prima del 1945, quando l'arte tribale era ancora ampiamente praticata.

Influenza della storia dell'arte africana sull'arte e sull'architettura moderna

All'inizio del XX secolo, molti artisti come Derain, Picasso, Matisse e Modigliani rimasero affascinati dall'arte africana e iniziarono a visitare il museo Trocadéro a Parigi per contemplare le forme uniche, assorbendo tutto ciò che veniva loro presentato.

Questi artisti vedevano in quest'arte una perfezione formale contrastata dall'astrazione, l'asimmetria dall'equilibrio, il primitivismo dalla raffinatezza del design. Hanno risposto a questa cruda forza espressiva con tutte le loro facoltà, non solo con la vista ma anche con l'immaginazione e l'emozione, e hanno vissuto un incontro mistico e spirituale.

Questo assorbimento si è tradotto in un fascino per l'astrazione, l'organizzazione e la riorganizzazione delle forme, nonché l'esplorazione di aree emotive e psicologiche che non erano state studiate prima. Ciò li ha aiutati ad andare oltre il naturalismo che fino ad allora aveva definito l’arte occidentale.

Lo status dell'arte visiva fu ormai cambiato per sempre e nacque il cubismo, influenzato dall'uso semplificato di piani e forme da parte dello scultore africano e dalla riorganizzazione della forma umana che era basata, di fatto, sulla sproporzione.

arte africana e moderna

Picasso e gli altri artisti d'avanguardia della "Scuola di Parigi" iniziarono a collezionare sculture e oggetti tribali che iniziarono ad apparire in gran numero a Parigi in seguito alla colonizzazione francese in Africa. Picasso incorporò le maschere cerimoniali della tribù Dogon nelle sue opere rivoluzionarie come Les Demoiselles d'Avignon (1907-1909) e l'influenza delle maschere gabonesi che aveva acquisito è visibile anche nella sua scultura bianca, Tête de femme (Tête de femme ( Tête de femme) 1929-1930).


Modigliani si distinse adattando le influenze stilistiche dell'opera della tribù Baoulé, della Costa d'Avorio. Brancusi adotta non tanto la forma quanto l'uso del legno come mezzo scultoreo, così come dall'altra parte del mondo, in America, scultori come William Zorach e Chaim Cross rifiutano la roccaforte di Rodin, ghisa e bronzo, in favore della scultura diretta in legno.


Matisse fu influenzato non solo dalle forme scultoree dell'arte africana, ma anche dai tessuti fatti a mano. Come membro di una famiglia di tessitori intergenerazionali, è stato attratto in particolare dai tessuti Kuba del Congo, i cui motivi allover hanno ispirato i suoi ritagli di carta con i loro cambiamenti di prospettiva. Notò che il suo uso impulsivo di colori vivaci suscitava emozioni e lo collegava alle origini rituali dell'arte africana.


In architettura, due nuovi principi hanno avuto un’influenza radicale sul design. Uno era l’effetto visivo dei motivi decorativi sulle superfici, in particolare sui muri esterni, e l’altro era un nuovo atteggiamento nei confronti degli ambienti spaziali, spazi che non solo si conformano alla dimensione umana, alla funzione e alla forma, ma anche alla psicologia della natura umana.


Architetti come Le Corbusier e Oscar Niemeyer si esprimevano brutalizzando le strutture e monumentalizzando gli edifici. Introdussero linee verticali lunghe e lineari e abbellirono le loro strutture con dipinti murali strutturati e grandi bassorilievi basati sulla scala non lineare delle forme geometriche che è unica nella decorazione africana.

La storia dell’arte africana ha avuto un’influenza incalcolabile sul mondo dell’arte globale.

Scopri gli strumenti di origine africana attraverso questo articolo.

Spero che il contenuto di questo articolo abbia chiarito eventuali domande che potresti aver avuto. Puoi visitare il nostro negozio online di abbigliamento e accessori africani per esprimere la tua gratitudine per il duro lavoro del nostro team. Puoi aggiungere il nostro negozio ai preferiti o iscriverti alla nostra newsletter per essere informato sulle nostre ultime offerte. Puoi anche acquistare il tuo e-book gratuito al 100% per ulteriori informazioni sull'abbigliamento e gli accessori africani. La ringrazio ; A presto !

Livraison et retours
Livraison et retours

Livraison offerte en France (hors DOM-TOM). Les retours sont gratuits pendant 30 jours.

Paiement sécurisé
100% Paiement Sécurisés

Nous utilisons le cryptage SSL pour les paiements sécurisés.

Service client aux petits soins

Besoin d'assistance ? Nous sommes à votre service du lundi au vendredi de 9h à 18h.

Une sélection d'experts

Des vêtements africains fabriqués par une équipe de passionnés depuis plus de 20 ans.

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.