10% de réduction avec le code ELEGANCE10
Livraison gratuite en France métropolitaine.
L'élégance maintenant. Payer plus tard avec Klarna.

Une question ? contactez-nous : afroelegance.france@gmail.com

Come si vestono gli africani?

Come si vestono gli africani?

Per decenni, l’industria della moda globale ha fatto riferimento alla moda africana, ma non sempre lo ha fatto nel modo giusto. Qui vedremo l'origine della moda africana, perché è alla ribalta e i diversi tipi di abiti che esistono in tutta l'Africa.

Scopri altri suggerimenti per un'esperienza di successo nell'acquisto dei tuoi abiti africani attraverso questi articoli:

Riepilogo

  1. Storia della moda africana
  2. Quali sono gli abiti tradizionali africani?
  3. Dove posso acquistare abiti tradizionali africani?

Conclusione

Storia della moda africana

Per molto tempo, la moda africana è stata erroneamente percepita come "tribale" o "esotica" e semplificata in pelli di leopardo e panni di fango. Questo è spesso un punto di riferimento. Tuttavia, la fonte non viene mai considerata tanto quanto il prodotto derivato.

L’Africa è un vasto continente. Pertanto, le variazioni esistenti nella storia della moda africana sono influenzate da una miriade di società e dallo status di individui o gruppi all’interno di quella comunità.

Abito da cerimonia del re Kuba Zaire bwaantshy

Abito d'epoca

La maggior parte degli africani non si vestiva per stare al caldo, a causa del clima caldo del continente. Gli uomini si accontentavano di perizomi o grembiuli, mentre le donne indossavano sciarpe intorno alla vita o al petto.

Le prime forme di abbigliamento erano corteccia, pellicce, pelli e pellami, e il resto del corpo era adornato con segni di abbellimento e pigmenti colorati. Gli uomini avvolgevano semplicemente la tela di corteccia che passava tra le gambe attorno a una cintura. Allo stesso modo, le donne drappeggiavano il tessuto sulla cintura per nascondere la parte anteriore del corpo.

L'abbigliamento comunicava lo status o un rituale marcato o il passare del tempo mentre le persone si spostavano da uno stato all'altro. Secondo alcune tradizioni, le giovani donne indossavano solo una gonna e, quando si sposavano, indossavano scialli e mantelli che coprivano tutto il corpo.

donna africana con abito africano

Ben presto gli africani iniziarono a usare la rafia per cucire insieme pezzi di stoffa di corteccia. Nel corso del tempo, le gonne in erba sono diventate di gran moda. Allo stesso modo, usavano accessori per adornare le parti scoperte del corpo. Si trattava di gioielli e copricapi più complessi, realizzati con conchiglie, ossa, pezzi di guscio d'uovo di struzzo e piume. Pellicce, pelli, ossa, code e peli di animali, rafia, legno, erba, campanelli e metalli stampati contribuivano alla ricchezza e all'abbellimento dei costumi, utilizzati soprattutto durante le cerimonie.

I colori e i motivi dei tessuti stampati e tinti, delle strisce di tessuto e delle perline distinguevano i gruppi etnici gli uni dagli altri. Le tribù erano orgogliose della qualità dei loro tessuti fatti a mano. Utilizzavano tecniche tramandate di generazione in generazione da secoli.

L'influenza del commercio

Intorno al XV secolo si aprirono rotte marittime tra Europa, Africa e Oriente. Il commercio quindi si sviluppò. Oggetti insoliti arrivano da ogni parte. Gli africani li bramano e con essi decorano gli abiti locali. Perline, conchiglie e bottoni venivano adottati sugli abiti, sia come ornamento che come indumento intero. È il caso, ad esempio, dei grembiuli con strass, dei mantelli, dei cerchietti e delle scarpe.

Abbigliamento tradizionale africano

Anche le tecniche di tessitura sono migliorate. Cotone, seta, rafia e lana sono le fibre oggi utilizzate. I tessuti tessuti e decorati sono diventati un riflesso dello status, della situazione socioeconomica, della cultura, dell'ambiente e del clima di una tribù.

Le stampe a cera, onnipresenti e oggi sinonimo di moda africana, iniziarono ad essere introdotte in Africa nel XIX secolo. Durante la colonizzazione olandese dell'Indonesia, gli olandesi adottarono questo stile di creazione di modelli dagli indonesiani e meccanizzarono il processo. Prima hanno provato a venderlo agli indonesiani, ma senza successo. Poi lo vendettero agli africani, che lo bramavano.

Le donne iniziarono a richiedere disegni specifici, che diventarono una forma di comunicazione segreta tra gruppi di persone. È così che l'attività ha avuto molto successo. Continua ancora oggi.

Gli effetti della colonizzazione

La colonizzazione portò a un cambiamento radicale nell’abbigliamento quotidiano nelle città africane. Anche dopo l’indipendenza, l’abbigliamento tradizionale non fu incoraggiato in molte attività. Pertanto, gli abiti tradizionali furono sostituiti o influenzati dal codice di abbigliamento occidentale, che divenne popolare. Tuttavia, sono rimasti molto diffusi nelle zone rurali. Oggi, le persone nelle aree urbane sono sempre più interessate agli abiti tradizionali al di fuori delle occasioni speciali. Ad esempio, gli uomini optano per i caftani come abbigliamento da lavoro per i venerdì eleganti.

Gli africani si sono sempre appropriati della moda europea. Un esempio dell’impatto coloniale sulla moda africana è quello dei Sapeurs du Congo, che presero l’alta moda europea e la adattarono a modo loro. Letteralmente, la “Società dei creatori di umore e delle persone alla moda” utilizza abiti europei alla moda per migliorare l’atmosfera in cui si trovano e fungere da fari di positività. Che svolta geniale!

L’Africa come punto di riferimento

L'Africa è costantemente citata come riferimento nella moda, a volte con gusto, a volte in modo piuttosto mediocre. La collezione primavera-estate 1967 di Yves Saint Laurent è un esempio di interazione discreta con gli stili di moda africani. Ha creato una serie di abiti delicati utilizzando materiali come perline di legno, rafia, paglia e filo d'oro. L'abito più caratteristico rende omaggio alle sculture Bambara prodotte dal popolo Bambara del Mali. Queste statue rappresentano donne dal corpo lungo e dal seno appuntito.

Collezione africana Yves Saint Laurent

Quali sono gli abiti tradizionali africani?

L'abbigliamento tradizionale africano rappresenta uno dei simboli, se non il più grande, del ricco patrimonio culturale e della diversità del continente. In tutto il continente, diversi gruppi etnici hanno i propri abiti tradizionali africani.

Boubou

Boubou Senegal

Il boubou è un abito senegalese classico, elegante e funzionale indossato da uomini e donne in tutta l'Africa. Cucito da un unico pezzo di tessuto, è generalmente largo 150 cm e varia in lunghezza a seconda della taglia e delle preferenze di chi lo indossa.

Esiste anche il grande boubou, più elegante, che utilizza tessuti lunghi 300 cm e arriva fino alle caviglie. Tradizionalmente, i designer realizzano boubous piegando il tessuto a metà, tagliando un'apertura per il collo e cucendo i lati a metà per creare maniche fluide ai lati.

Per le donne, la scollatura è arrotondata e ampia. Gli uomini, invece, hanno il collo lungo a forma di V. Le donne che vogliono provare il tradizionale abbigliamento africano boubou possono acquistarlo qui .

Per maggiori informazioni su come indossare un boubou , leggi questo articolo.

Dashiki

Dashiki africano

Il dashiki è un indumento tradizionale africano originario del popolo Ewe del Ghana. Si tratta di abiti colorati che coprono la parte superiore del corpo. La dashiki è una camicia unisex dalla vestibilità ampia, con maniche lunghe o ampie, con colletto a V ricamato.

Inoltre è disponibile in molti colori e forme. Per lo più, i ghanesi indossano dashiki con pantaloni con coulisse per occasioni formali o informali. Sebbene fossero molto comuni in Ghana e in alcuni paesi dell’Africa occidentale, oggi li indossano gli africani occidentali e i neri.

I Dashiki sono eleganti, colorati e riportano facilmente chi li indossa alle radici. Se sei interessato a questo indumento tradizionale africano, scopri come indossare il dashiki qui.

Kente

Kente

Kente è un tradizionale indumento africano unisex originario del popolo Ashanti e Ewe del Ghana. È composto da strisce di seta e/o cotone, disegnate per abbinarsi alle fantasie del tessuto.

Nonostante i progressi tecnologici, gli Ashanti continuano a tessere a mano i loro abiti Kente. Storicamente, i membri della famiglia reale del Ghana indossavano il tessuto come una toga. Tuttavia, oggi, grazie alla popolarità dei disegni Kente, la stampa Kente è diventata molto popolare in Asia e in Occidente.

Djellaba

Djellaba

La jillaba o djellaba è un abito unisex lungo e ampio. Di solito è a maniche lunghe ed è indossato anche nella regione del Maghreb del Nord Africa. Tradizionalmente, la lana è il materiale principale utilizzato per la progettazione dei djellaba. Tuttavia, oggigiorno, le djellaba di cotone leggero sono diventate molto di moda.

I Djellaba spesso spazzano il terreno. Tuttavia, le varianti leggere sono spesso più sottili e più corte. Gli uomini indossano djellaba di colore chiaro con un cappello fez arabo e scarpe babouche per feste religiose e altre occasioni.

Habesha Kemis

Habesha Kemis

L'Habesha Kemis è un indumento tradizionale africano appartenente alle donne Habesha di Addis Abeba, in Etiopia. L'Habesha Kemis è solitamente un abito che si estende dal collo alle caviglie.

Le donne etiopi ed eritree lo indossano in occasione di eventi formali e nei giorni festivi. Al giorno d'oggi, è disponibile in diverse forme, comprese le maniche corte o lunghe. Di solito è di colore grigio, beige o bianco e cucito in cotone.

Dove posso acquistare abiti tradizionali africani?

Da Afro Élégance puoi trovare tutti questi abiti tradizionali africani realizzati a mano nel nostro laboratorio a Dakar. L'abbigliamento tradizionale africano conserva ancora oggi profondi significati etnici. Indossando abiti africani, incarnerai il patrimonio culturale e la diversità dell'Africa.

Spero che il contenuto di questo articolo abbia chiarito eventuali domande che potresti aver avuto. Puoi visitare il nostro negozio online di abbigliamento e accessori africani per esprimere la tua gratitudine per il duro lavoro del nostro team. Puoi aggiungere il nostro negozio ai preferiti o iscriverti alla nostra newsletter per essere informato sulle nostre ultime offerte. Puoi anche acquistare il tuo e-book gratuito al 100% per ulteriori informazioni sull'abbigliamento e gli accessori africani. La ringrazio ; A presto !

Livraison et retours
Livraison et retours

Livraison offerte en France (hors DOM-TOM). Les retours sont gratuits pendant 30 jours.

Paiement sécurisé
100% Paiement Sécurisés

Nous utilisons le cryptage SSL pour les paiements sécurisés.

Service client aux petits soins

Besoin d'assistance ? Nous sommes à votre service du lundi au vendredi de 9h à 18h.

Une sélection d'experts

Des vêtements africains fabriqués par une équipe de passionnés depuis plus de 20 ans.

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.