10% de réduction avec le code ELEGANCE10
Livraison gratuite en France métropolitaine.
L'élégance maintenant. Payer plus tard avec Klarna.

Une question ? contactez-nous : afroelegance.france@gmail.com

Cos'è la cultura maliana?

Cos'è la cultura maliana?

Il Mali può essere oggi uno dei paesi più poveri del mondo, ma durante i suoi giorni di gloria era uno degli imperi più potenti dell’Africa. Il popolo maliano è giustamente orgoglioso della storia del proprio Paese e delle diverse culture capaci di interagire pacificamente tra loro. Lo stile di vita nomade del deserto delle tribù Mori e Tuareg del nord del Mali è rimasto relativamente immutato per secoli.

Riepilogo

  1. La storia del Mali
  2. Cultura maliana
  3. Il popolo maliano
  4. La lingua del Mali
  5. La musica nel Mali
  6. Arte nel Mali

Conclusione

La storia del Mali

La storia del Mali inizia con l'Impero del Ghana, che attraversava i confini degli attuali Mali e Mauritania tra il IV e l'XI secolo. L'età dell'oro dell'Impero del Ghana iniziò dopo l'addomesticamento dei cammelli, che rese possibile il trasporto di sale, oro e avorio in Medio Oriente, Nord Africa e persino in Europa. Il Museo Nazionale del Mali (Kati) a Bamako offre le mostre più dettagliate sulla ricca storia del paese.

Non è chiaro esattamente quando l'Impero del Ghana divenne parte del più grande Impero del Mali, ma all'inizio del XIV secolo il Mali era uno dei maggiori fornitori di oro e uno degli stati più potenti dell'Africa. Timbuktu divenne il principale centro dell'educazione islamica, con non meno di 180 scuole religiose, tre università e innumerevoli biblioteche private. La biblioteca più grande del mondo un tempo si trovava all'interno della Moschea Djinguereber (Askia Mohamed Boulevard, Timbuktu), uno dei pochi resti dell'età d'oro di Timbuktu.

Boubù africano

L'importanza e la prosperità di Timbuktu aumentarono ulteriormente dopo che l'imperatore Mansa Musa I portò una moltitudine di oro e schiavi alla Mecca nel 1324, ma l'impero Songhai, originario dell'attuale Nigeria, finì per soppiantarli alla fine del XV secolo. L'esercito marocchino, che sconfisse i Songhai nel 1590, non riuscì a mantenere la regione a lungo e il Mali finì per dividersi in numerosi piccoli stati.

Le rotte marittime europee verso il Nuovo Mondo ridussero ulteriormente l’importanza del commercio transahariano. Quando il Mali divenne parte dell'Africa occidentale francese nel 1895, la regione subì diverse invasioni Fulani e Tuareg. Tra la prima e la seconda guerra mondiale, sindacati e gruppi studenteschi guidarono un movimento indipendentista che alla fine portò all'indipendenza della Federazione del Mali nel 1960. Il Senegal, che originariamente faceva parte della Federazione del Mali, divenne poco dopo un paese indipendente.

Il primo presidente del Mali, Modibo Keita, rampollo dei potenti imperi del paese, impose il proprio stato monopartitico che un colpo di stato militare incruento rovesciò nel 1968. La siccità e le proteste politiche peggiorarono la povertà e l'instabilità negli anni '70 e '80. democrazia multipartitica nel 1992, l'anno in cui Alpha Oumar Konaré divenne il primo presidente eletto in modo equo.

Anni di conflitto tra l'esercito maliano e i nomadi tuareg del paese sono giunti al culmine nel 2012, quando le forze tuareg e islamiste hanno guidato una rivolta contro il presidente Touré. Gruppi islamici hanno preso il controllo del nord del Mali, compresa Timbuktu, e hanno imposto la legge della sharia. Il Paese si trova ancora una volta ad affrontare un futuro incerto dopo uno dei decenni più instabili della storia recente.

Cultura maliana

Che si tratti di nomadi Tuareg, Fulani, pescatori Bozo, Bambara o agricoltori Dogon, ciascuno delle dozzine di gruppi etnici del Mali ha la propria lingua e storia, ma generalmente mantiene rapporti amichevoli con gli altri. Ognuno di loro ha tramandato nei secoli le proprie tradizioni, la propria storia e le proprie occupazioni. Sia la musica che la letteratura maliana sono state fortemente influenzate da racconti orali di lunga data. I narratori tradizionali, chiamati griot, si esibiscono spesso in occasione di matrimoni e altri eventi speciali.

Gli abiti colorati e fluenti indossati da molti locali sono chiamati boubou, ma anche i tessuti di cotone e fango fatti a mano svolgono un ruolo importante nella cultura e nell'economia del Mali. Sebbene la maggioranza della popolazione sia musulmana, vengono osservate anche le festività cristiane e le attività commerciali chiudono per mezza giornata il venerdì e la domenica, e per l'intera giornata il sabato. La maggior parte dei maliani rispetta i visitatori che rispettano anche le loro convinzioni religiose e culturali.

Per saperne di più sui diversi aspetti della cultura africana , clicca qui.

Il popolo maliano

Popolo tuareg

I principali popoli sono, in ordine di grandezza, Bambara 31,4%, Fula Macina 9,6%, Soninke 7,4%, Sanghai 6,3%, Dogon 5%.

La tribù più numerosa è quella dei Bambara, che ricoprono molti incarichi di funzionario pubblico. I Dogon e i Tuareg hanno uno stile di vita più tradizionale.

Dogon

I Dogon sono un gruppo etnico localizzato principalmente nei distretti amministrativi di Bandiagara e Douentza. In queste regioni, la popolazione Dogon è concentrata principalmente lungo una scarpata di 200 chilometri chiamata Bandiagara Cliffs, vicino a Timbuktu, a sud del deserto del Sahara nell'Africa occidentale. Le scogliere offrono uno scenario spettacolare ai villaggi Dogon costruiti sui lati della scarpata. Ci sono circa 700 villaggi Dogon.

I Dogon sono agricoltori incredibilmente operosi. La loro terra natale, il Paese Dogon, è stata classificata come patrimonio dell'umanità per la sua importanza culturale.

I Dogon sono famosi anche per i loro disegni artistici, le sculture in legno e le maschere elaborate. Le loro danze comprendono più di 80 varietà di maschere, ciascuna a seconda del tipo di celebrazione.

Fulani

I Fulani del Mali sono anche conosciuti come Fulfulde o Peul. La maggior parte delle stime del loro numero in Mali è compreso tra 850.000 e 1.000.000 di persone. La maggior parte dei Fulani appartiene a un sottogruppo noto come Futa Jalon. I Fulani sono la più grande società nomade del mondo e abbracciano almeno sei paesi dell’Africa occidentale. Quattordici milioni di Fulani sono sparsi nell'Africa nordoccidentale e centrale. La principale concentrazione della popolazione Fulani del Mali si trova in un raggio di 150 chilometri attorno alla città di Mopti. La maggior parte dei Fulani urbani sono sedentari e commercianti, mentre i Fulani rurali sono pastori migratori.

Tuareg

I Tuareg, o "uomini blu del deserto" (così chiamati per via delle loro vesti e turbanti indaco), sono un'antica tribù nomade che vive ancora nel deserto. Sono una razza orgogliosa, famosa per le loro abilità di combattimento e le loro opere d'arte, che oggi deve affrontare l'urbanizzazione e il reinsediamento. La siccità e la politica del governo minacciano il loro stile di vita tradizionale, ma i Tuareg e le loro carovane di cammelli compaiono ancora inaspettatamente all’orizzonte prima di svanire nel deserto.

La lingua del Mali

In totale, in Mali sono elencate 32 lingue, ma il francese è la lingua ufficiale e gran parte della popolazione usa il bambara come lingua madre e come lingua secondaria per comunicare a livello nazionale.

La musica nel Mali

Musica maliana

Il Mali è la culla della musica contemporanea africana più bella e di maggior successo. La musica tradizionale del Mali si basa sui canti dei jalis (o griot), una casta distinta nella struttura sociale fin dai tempi dell'Impero del Mali.

Il musicista più famoso del Mali, Salif Keita, è un ambasciatore della musica griot.

Strumenti musicali

Vengono utilizzati vari strumenti tradizionali, tra cui il Kamal Ngoni (un tipo di chitarra a sei corde), il Djembe (tamburo di pelle di daino) con tastiere moderne, chitarre elettriche, flauti, corde e sonagli. Lo strumento preferito dei jalis è la kora, un'arpa-liuto con 21 corde tese su un lungo manico in palissandro e pizzicate con il pollice e l'indice di ciascuna mano.

Arte nel Mali

Che si tratti di architettura, sculture in legno o ottone, creazioni in vimini, disegni di tessuti di fango, braccialetti di perline, gioielli in oro, danza o musica, il popolo maliano è creativo. Il Mali è anche rinomato per i suoi veri panni di fango con disegni dipinti a mano utilizzando metodi tradizionali tramandati da secoli. Il tessuto viene prima tessuto, poi un disegno viene dipinto a mano utilizzando ingredienti naturali. Il tessuto viene quindi immerso in coloranti a base di fango appositamente preparati, lasciato asciugare e spesso immerso nuovamente. Il processo può richiedere diverse settimane, dall'inizio alla fine.

Le loro creazioni artistiche comprendono tutta una serie di sculture in legno e maschere.

Spero che il contenuto di questo articolo abbia chiarito eventuali domande che potresti aver avuto. Puoi visitare il nostro negozio online di abbigliamento e accessori africani per esprimere la tua gratitudine per il duro lavoro del nostro team. Puoi aggiungere il nostro negozio ai preferiti o iscriverti alla nostra newsletter per essere informato sulle nostre ultime offerte. Puoi anche acquistare il tuo e-book gratuito al 100% per ulteriori informazioni sull'abbigliamento e gli accessori africani. La ringrazio ; A presto !

Livraison et retours
Livraison et retours

Livraison offerte en France (hors DOM-TOM). Les retours sont gratuits pendant 30 jours.

Paiement sécurisé
100% Paiement Sécurisés

Nous utilisons le cryptage SSL pour les paiements sécurisés.

Service client aux petits soins

Besoin d'assistance ? Nous sommes à votre service du lundi au vendredi de 9h à 18h.

Une sélection d'experts

Des vêtements africains fabriqués par une équipe de passionnés depuis plus de 20 ans.

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.